acquisti

ACQUISTI: FUNZIONE STRATEGICA IN TUTTE LE IMPRESE

Il primo guadagno si fa con l’acquisto: impostare il rapporto tra fornitore e cliente sulla base della trasparenza può creare nel lungo periodo molteplici vantaggi e far intraprendere un percorso di miglioramento comune

 

Possiamo iniziare il primo articolo relativo al mondo degli acquisti affermando, senza paura di essere smentiti, che “in ogni impresa il primo guadagno si fa con l’acquisto” (anche in famiglia) . Parliamo di acqui-sto e non di approvvigionamento perché le due operazioni sono diverse tra di loro, anche se hanno molti punti in comune.

Tutti i comparti di qualsiasi organizzazione sono con-temporaneamente fornitori e clienti. Purtroppo di questa condizione spesso ci si dimentica, soprattutto fra colleghi all’interno della stessa azienda.

Ogni bravo buyer sa perfettamente che i fornitori sono un elemento fondamentale per il miglioramento della competitività ed hanno un peso determinante sul prodotto finale in termini di costo, di qualità e di soddisfazione per il cliente. E’ pertanto fondamentale creare con i fornitori un rapporto di collaborazione etico e trasparente che permetta di valorizzare la loro creatività, le risorse e le esperienze al fine di fare, insieme, un percorso di miglioramento.

Se si riescono a stabilire rapporti tra clienti e fornito-ri, chiunque essi siano, ispirati ad integrità e rigore da entrambi le parti, le relazioni saranno durature ed ogni eventuale conflitto sarà senza dubbio gestito adeguata-mente e risolto.

Attraverso la gestione competente delle politiche di acquisto e la costante ricerca delle fonti di fornitura grazie alla Market Intelligence, il buyer può portare efficienza al sistema aziendale.

Gli strumenti base del buyer moderno

Strumenti base per il buyer attuale, oltre alle tecnologie disponibili, dovrebbero essere il Benchmarking della qualità e delle prestazioni, offerte dai fornitori esterni ed interni, ed il Vendor Rating.

Il bravo buyer all’interno della propria organizzazione seleziona i fornitori in base alla capacità di soddisfare i requisiti di fornitura, poiché i prodotti/servizi acquisiti diventano parte integrante del prodotto finale dell’organizzazione influenzandone la qualità. Fra gli strumenti sarà quindi presente un questionario per la valutazione della responsabilità dei fornitori (vedi box) che, debi-tamente aggiornato, sarà determinante per monitorare l’evoluzione del fornitore in sintonia con l’evoluzione del cliente.

Indici generici da considerare in relazione alla capacità di prevedere i movimenti del mercato:

  1. inflazione, inflazione industriale
  2. prezzo del petrolio
  3. prezzi delle materie prime
  4. futures delle materie prime

I punti fondamentali del questionario per la valutazione della responsabilità dei fornitori:

  1. Creatività
  2. Tecnologia
  3. Servizio/Logistica
  4. Prezzo
  5. Solidità finanziaria
  6. Qualità
  7. Sistema di gestione ambientale

Anno 1 N 1 Ottobre 2010

Share